Non si sciopera, ma solo a Milano. Dopo un incontro con il prefetto Paolo Tronca, le organizzazioni sindacali hanno deciso di revocare lo sciopero del trasporto pubblico indetto per venerdì 15 novembre, ma solo per la città di Milano. Questo perché nella serata è prevista allo stadio Meazza la partita di calcio tra Italia e Germania. Di conseguenza uno stop dei mezzi avrebbe provocato disagi eccessivi.

Resta però confermato lo sciopero nel resto della Lombardia, programmato dalle 10 alle 14. Sono possibili ritardi e cancellazioni dei treni regionali sia di Trenord che di Trenitalia. Non sono invece previste variazioni nei treni a lunga e media percorrenza (foto by InfoPhoto).

Nella mattinata di venerdì ci sarà nel capoluogo lombardo un corteo dei sindacati, oltre ad un comizio a cui parteciperà anche Susanna Camusso, leader della Cgil.

In principio lo sciopero era stato indetto da Cigl, Cisl e Uil; l’ago del contendere, ovviamente, la legge di stabilità, ritenuta iniqua e non corretta. Ma Milano si salva: tutto merito della nazionale italiana, che giocando a San Siro la sfida amichevole contro la Germania ha fatto rientrare un’agitazione che, comunque, sarebbe durata solo dalle 18 alle 22, creando comunque disservizi per la popolazione.