L’ultima settimana di maggio sarà decisamente complessa per turisti e pendolari che dovranno viaggiare in treno o aereo, ma anche con i mezzi pubblici: a partire dal prossimo mercoledì 28 si susseguiranno una serie di stop che coloreranno di nero le giornate fino al 30 maggio.

A dare il via il settore ferroviario con gli scioperi dei dipendenti di Trenitalia, Trenord, RFi e NTV-Italo, che interromperanno il servizio per via dello stato di agitazione indetto da Orsa Ferrovie nella giornata del 28 maggio e USB Lavoro Privato che hanno diffuso la seguente nota: ”Il degrado del comparto dei trasporti nel nostro Paese sta assumendo dimensioni sempre più preoccupanti, alimentato dalla mancanza di una politica generale sulla mobilità, dalla latitanza dei governi e delle istituzioni, dall’assenza di controlli da parte degli enti preposti, dalla preservazione di spazi di mala gestione nelle aziende pubbliche e dai miseri fallimenti delle privatizzazioni. Unica istituzione ‘efficiente’ la Commissione di garanzia, protagonista indiscussa della repressione anti-sciopero, utile a imporre una pace sociale coatta. L’Usb intende per tanto contrastare il degrado in corso’.

Lo sciopero inizierà così alle ore 00.01 di mercoledì 28 maggio per poi terminare alle 20.59 di giovedì 29 maggio 2014. Come da consuetudine, anche in questa occasione, ad ogni modo, saranno rispettate delle fasce di garanzia che permetteranno seppur con qualche disagio, ai viaggiatori di muoversi:  dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00 di entrambi i giorni. Possibili problematiche nel trasporto potrebbero comunque registrarsi sia prima che dopo gli orari dello sciopero dei treni del 29 maggio per cui è consigliabile tenersi sempre informati su eventuali cambiamenti di orario o percorso visitando i siti ufficiali di ciascuna compagnia.

(Foto by InfoPhoto)