Si preannunciano ore particolarmente difficili per chi deve viaggiare. Trenitalia ha infatti annunciato uno sciopero nazionale che prenderà avvio alle ore 21 di questa sera, 26 novembre, e proseguirà fino alle 18 di domani, 27 novembre.

Il mese di dicembre si preannuncia poi ulteriormente duro per chi si dovrà spostare. È infatti annunciato un nuovo sciopero per quanto riguarda il personale di Trenitalia IMC Milano per il 9 dicembre, mentre il 14 dicembre è previsto uno sciopero generale che coinvolgerà la provincia di Cosenza e a partire dalle ore 21 del 16 dicembre fino alle 21 del 17 dicembre lo sciopero riguarderà Trenitalia regione Piemonte.

Non solo treni. A rischio a dicembre anche gli spostamenti aerei. Per il 10 dicembre è prevista un’agitazione nazionale del settore e lo sciopero dovrebbe coinvolgere gli aeroporti milanesi di Linate e Malpensa, con disagi previsti tra le ore 10 e le 18.

Intanto a partire da questa sera i problemi coinvolgeranno gli spostamenti ferroviari. Trenitalia ha fatto sapere che le Frecce circoleranno regolarmente, mentre lo sciopero riguarderà soprattutto il trasporto regionale. A proclamarlo sono i sindacati Cat esecutivo nazionale, Cub Trasporti e Usb Lavoro Privato, mentre in Lombardia lo sciopero riguarda pure gli impiegati di Trenord.

I sindacati hanno fatto sapere le ragioni dello sciopero con un comunicato: “Scioperiamo contro i progetti di privatizzazione, svendita e smembramento del comparto FS. Stiamo assistendo al volto fallimentare della privatizzazione e degli accordi capestro, come in Trenord e in Ntv, che minaccia i ferrovieri di tutte le imprese, schiacciando tutele e salario”.

I sindacati hanno indetto lo sciopero inoltre contro: “la riforma pensionistica Fornero” e “il Testo Unico sulla Rappresentanza che consegna le Rsu alle Segreterie e mira a impedire la possibilità di organizzare ogni resistenza nei luoghi di lavoro”, mentre protestano in difesa “della sicurezza del lavoro a sostegno anche dei ferrovieri licenziati per aver difeso sicurezza e diritti collettivi”.