UPDATE 14.40: Oleg Tiaghnibok, uno dei principali leader del movimento anti-governativo, ha confermato che le opposizioni hanno siglato l’accordo con il presidente Yanukovich per mettere fine alla rivolta che da settimane sta tenendo in scacco l’Ucraina

Con una nota apparsa sul sito web governativo, il presidente ucraino Viktor Yanukovich ha annunciato questa mattina di aver raggiunto un accordo con l’opposizione, per provare a porre un freno alla violenza dilagante per le strade di Kiev. Formazione di un governo di unità nazionale con le forze di opposizione; ritorno alla Costituzione del 2004, quella nata dopo la Rivoluzione Arancione, che prevedeva poteri limitati per il presidente; avvio dell’iter che porterà alla convocazione di nuove elezioni: questi i tre punti fondamentali dell’accordo, come richiesto dalle opposizioni, che, fino a questo momento, non hanno ancora commentato la notizia. Da sottolineare che nel comunicato di Yanukovich non ci sono riferimenti temporali che permettano di capire quando i tre punti verranno attuati.

LEGGI ANCHE:

100 morti nel massacro di Kiev

“Muoio”, il tweet simbolo della rivolta ucraina

Yanukovich chiede una tregua