Nella mattinata odierna è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 3.9 della scala Richter dagli strumenti dell’Istituto nazionale di fisica e vulcanologia in provincia di Pesaro-Urbino nelle Marche. Stando ai dati dell’Ingv, la scossa si è verificata a una profondità di circa 7 chilometri ed è stata avvertita dalla popolazione. Sono in corso in queste ore le verifiche da parte del Dipartimento della Protezione Civile e dei Vigili del fuoco di eventuali danni a cose o persone nella zona.

L’epicentro del terremoto è stato localizzato tra i comuni di Mercatello sul Metauro, Borgo Pace e Sant’Angelo in Vado, Sestino, Belforte all’Isauro. Al momento, come sottolineano i Vigili del fuoco, non sono stati segnalati danni e non ci sono state richieste d’intervento. A scopo puramente precauzionale però alcune scuole sono state fatte evacuare dai dirigenti scolastici.

Dopo la scossa avvertita nella serata di ieri 18 settembre (evento registrato alle 21:14) presso la medesima zona ma con magnitudo di 3.6 sulla scala Richter a una profondità di 10 km e una replica di entità più debole (magnitudo 2.0) alle ore 2:22 nello stesso distretto sismico3, la terra ha tremato ancora nella mattinata di oggi 19 settembre, precisamente alle ore 09:36 (secondo la rilevazione dell’Ingv). Sette giorni prima si erano manifestate scosse di terremoto con epicentro localizzato nella zona del Chianti, e precisamente nel fiorentino, in Toscana.