La showgirl Selvaggia Lucarelli è stata condannata al pagamento di un’ammenda di 500 euro poiché – secondo il giudice – avrebbe diffamato Alessia Mancini, l’allora finalista del concorso di bellezza, “Miss Italia”, edizione 2010, che si svolse a Salsomaggiore, in diretta su Rai 1. La Lucarelli dovrà liquidare anche un risarcimento dei danni pari a 5mila euro a favore della parte civile, come richiesto dal pubblico ministero Stefano Morelli. Tutto cominciò quando la Lucarelli scrisse una frase poco felice, insinuando che tra le concorrenti di “Miss Italia” ci fosse una trans, considerata la sua altezza di un metro e ottantaquattro centimetri.

Selvaggia Lucarelli dovrà pagare un risarcimento dei danni

Frasi che turbarono la Mancini la quale ebbe persino una crisi di pianto in diretta (dopo essere stata eliminata dal concorso di bellezza, ndr), poi consolata dall’allora conduttrice di “Miss Italia” Milly Carlucci. L’edizione 2010, poi, venne vinta da Francesca Testasecca ma subito dopo scattò la denuncia verso Selvaggia Lucarelli che, ieri, è stata condannata. “Io ho le spalle grosse e me la gestisco da sola. Però se lo avessero detto ad un’altra, lei sarebbe potuta cadere in depressione. E’ una cattiveria che psicologicamente ti può devastare. Non lo tollero” disse la Mancini in un’intervista , proprio qualche giorno dopo la fine del concorso di bellezza di Rai 1.