La procura sta indagando su un gruppo di venti persone, almeno 7 di loro sarebbero direttamente coinvolte nel sequestro del 32enne Andrea Calevo.

Al momento sono quattro i fermati: Pierluigi Destri, pregiudicato 70enne, suo nipote Davide Bondani, 23 anni, gli albanesi Fabijan Vila e Simon Halilaj, rispettivamente di 20 e 23 anni.

Prima di effettuare il blitz che ha portato alla liberazione dell’ostaggio, i Ros dei carabinieri e i Sco della polizia hanno teso una trappola ai sequestratori per farli uscire e non mettere così in pericolo la vita del ragazzo. Gli investigatori hanno provveduto a ‘isolare’ i telefoni cellulari di Davide Bondani e di Fabijan Vila in modo che non potessero comunicare ed avvertire Pierluigi Destri, che nel frattempo stava per essere catturato in centro a Sarzana.

Una volta per strada, i due sono stati catturati. Quindi la villetta di via del Campo ha avuto libero accesso ad un gruppo di uomini armati che hanno cominciato a cercare Andrea, individuato in un locale di un metro e mezzo per due ricavato in una stanza seminterrata nascosta dietro ad un armadio. L’hanno trovato al buio, incatenato e con barba lunga come appare nell’immagine in testa al post tratta da un filmato diffuso dalla Polizia di Stato.