La Guardia di Finanza ha eseguito una vasta operazione contro il commercio illegale di oro. L’8 novembre le Fiamme gialle hanno effettuato oltre 250 perquisizione, sequestrando 500 conti bancari 1 beni per un valore di 163 milioni di euro. Sono indagate 118 persone in 11 regioni italiane; i reati contestati; associazione a delinquere, frode fiscale, esercizio abusivo del commercio di oro, riciclaggio e reinvestimento di proventi illeciti. L’obiettivo dell’operazione era un’organizzazione criminale con quartier generale in Svizzera; i suoi bracci operativi agivano nei distretti orafi di Arezzo, Valenza Po (Alessandria) e Marcianise (Caserta). I membri dell’organizzazione raccoglievano oro acquistato da intermediari in contatto con diversi negozi della catena “Compro oro” e altri operatori; questi ultimi gestivano l’oro di provenienza illecita. Tutte le transazioni avvenivano in nero. Negli ultimi mesi sono stati sequestrati più di 80 Kg di oro e 450 d’argento. Sequestrata anche una villa vicino al casello dell’autostrada A1 di Monte San Savino, in provincia di Arezzo. Era la base operativa dell’organizzazione criminale.

photo credit: Air Force One via photopin cc