“Sesso in cambio di lezioni di guida”: non si tratta del testo di un annuncio particolarmente disperato, ma di una possibilità concreta in Olanda, come hanno confermato anche i ministri del governo.

È infatti noto che nella nazione la prostituzione è legale, quando vengono rispettate determinate condizioni, ma non era ancora chiaro se lo scambio di prestazioni sessuali per ottenere servizi potesse essere ritenuto legale.

La questione è balzata agli onori della cronaca e all’attenzione della politica per alcuni casi in cui degli aspiranti guidatori hanno pagato le necessarie lezioni offrendo il proprio corpo. In un Paese come l’Olanda il dibattito pubblico si è concentrato sulla liceità della transazione e in particolar modo su dettagli fiscali.

A seguito di accese controversie in Parlamento il governo ha chiesto ai ministri di far passare una legge – denominata Ride for a Ride – in cui viene chiarita la questione: sarà dunque legale per gli insegnati farsi pagare con il sesso (ovviamente con allievi maggiorenni) in cambio dell’attività didattica.

A opporsi con maggiore veemenza alla legge è stato l’esponente dei conservatori dell’Unione Cristana Gert-Jan Segers, il quale ha chiesto che la pratica venga giudicata illegale: gli allievi, infatti, saranno molto probabilmente privi di licenza per la prostituzione e quindi non dichiareranno nulla al fisco.

Le prostitute in Olanda sono considerate giuridicamente come delle imprenditrici di se stesse e possono fare pubblicità alla propria attività, ovviamente pagando le relative tasse. Il governo ha però respinto l’obiezione di Segers, facendo in modo che il ministro dei Trasporti Melanie Schulze e quello della Giustizia Ard van der Steur ratificassero la legge.

In una lettera al Parlamento i due ministri hanno infatti affermato che “l’offerta sessuale non è sancita da una remunerazione monetaria, ma da un servizio. È importante che l’iniziativa venga presa dall’istruttore e si concentri sull’offerta di una lezione di guida, con il pagamento previsto in atti sessuali.

Il web come al solito ha fatto registrare immediatamente moltissime reazioni ironiche, che si sono concentrate sullo scherzoso annuncio del vertiginoso aumento di docenti di scuola guida pronti a offrire i propri servigi. E dire che già le statistiche parlavano dell’aumento di incidenti stradali a causa del sesso durante la guida…