Un incendio si è sviluppato all’interno di un capannone a Sesto Fiorentino (Firenze) utilizzato da centinaia di extracomunitari, soprattutto somali, come un vero e proprio dormitorio. Un ex mobilificio, trasformato in un rifugio per senzatetto che stanotte ha preso a fuoco causando la morte di un uomo e ferendo tre persone.

La vittima è un africano di 35 anni che è stato trovato dai vigili del fuoco all’interno del capannone. I soccorritori, tra l’altro, hanno provato a rianimarlo prima di constatarne il decesso. Ma, purtroppo, non c’è stato niente da fare.

Fiamme in un capannone, una vittima e 3 feriti

Un capannone che sarebbe stato occupato da centinaia di extracomunitari i quali, accortisi del pericolo, sarebbero riusciti a scappare dall’ex mobilificio mettendosi subito in salvo. Si è evitata, dunque, una vera e propria tragedia che avrebbe potuto portare alla morte di centinaia di persone.

Intanto il 118 ha allestito un punto medico per fornire assistenza agli occupanti di quella struttura, scossi, impauriti e alle prese con il gelo di questi ultimi giorni. La protezione civile, dal canto suo, ha distribuito alcune coperte attivando anche una cucina da campo con bevande calde. Il sindaco di Sesto Fiorentino, infine, ha messo a disposizione una palestra per accogliere temporaneamente gli sfollati.