La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagini in merito a quanto accaduto nell’edificio di via Curtatone, che qualche giorno fa è stato oggetto di uno sgombero - avvenuto non senza problemi (ne abbiamo parlato qui). Il reato per cui si indaga è quello di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, anche se al momento non vi sarebbero iscritti nel registro degli indagati. In particolare, la Procura vorrebbe accertare se vi siano state o meno speculazioni all’interno dell’edificio, prima che avvenisse lo sgombero di qualche giorno fa.

Nello specifico, le speculazioni riguarderebbero la presunta speculazione sull’occupazione a pagamento di spazi (posti letto in particolare) all’interno dell’edificio di via Curtatone. L’indagine sarebbe scattata soprattutto perché in seguito allo sgombero sarebbero state rinvenute delle ricevute di pagamento, probabilmente rilasciate a fronte del pagamento per ottenere un posto in cui stare.

Ricordiamo infatti che all’interno dell’edificio occupato abusivamente erano presenti centinai di migranti, molti dei quali erano in possesso dello status di rifugiati.