Forse è la volta buona, e la Grecia potrebbe evitare l’uscita dall’Euro. Domenica il premier greco Alexis Tsipras ha avuto una conference call con la cancelliera tedesca Angela Merkel ed il presidente francese Francois Hollande – oltre ovviamente al presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker e ha presentato la proposta di Atene per ottenere l’accordo dei creditori – oggi verso le 19 dovrebbe tenersi il summit decisivo.

Secondo il governo greco, il piano rappresenterebbe una “soluzione definitiva” per evitare l’uscita dall’Euro e non un semplice “rinviare il problema“. Complessivamente la proposta greca comprenderebbe una serie di misure fiscali che dovrebbe avere un impatto del 2% sul Pil della Grecia – mentre la richiesta dei creditori sarebbe per misure equivalenti al 2,5% del Pil greco. Quello che manca dovrebbe arrivare da “provvedimenti amministrativi” non meglio identificati.

Le proposte del governo di Atene per evitare l’uscita dall’euro prevedono uno stop ai prepensionamenti a partire dall’inizio dell’anno prossimo, un aumento della “tassa di solidarietà” per chi guadagna più di 30.000 euro l’anno e le società che hanno utili che superano il mezzo milione di euro ed altri provvedimenti ancora. Il governo greco poi concorderebbe con l’obiettivo dei creditori di raggiungere un avanzo primario del Pil pari all’1%. In cambio Atene vorrebbe mantenere le tre aliquote Iva, contro la richiesta di due sole dei creditori, e propone di aumentare il numero di prodotti che dovrebbero finire con un’Iva al 23%.

Tra le altre proposte c’è anche il taglio automatico della spesa se non si rispetta la soglia del deficit zero per il paese. E se ci sarà un taglio del debito di Atene, il governo greco sarebbe pronto a prendere altre misure fiscali. A prima vista sembra la prima seria proposta greca per uscire dall’impasse ed evitare l’uscita dall’Euro. Per anticipare i tempi, l’Eurogruppo straordinario sulla Grecia, originariamente previsto per oggi alle 15, è stato anticipato alle 12. Questa riunione dovrebbe preparare l’Eurosummit che inizierà alle sette di sera.