Aveva fatto credere di aver perso un braccio e un piede a seguito di un incidente ferroviario, richiedendo così il pagamento della polizza assicurativa. La polizia, insospettita per quanto accaduto, ha però scoperto una verità ben diversa: una giovane trentenne, infatti, sembra abbia richiesto a un amico di praticarle un’amputazione pur di truffare la compagnia di assicurazioni. È quanto è accaduto in Vietnam, per una notizia divenuta virale sui social network.

Il caso è stato riportato dal People’s Police Newspaper of Vietnam, per poi essere rilanciata da UPI. Secondo quanto raccontato, una trentenne di Hanoi avrebbe ammesso di aver pagato 2.200 dollari a un amico per amputarle una porzione del braccio e il piede sullo stesso lato del corpo, così da poter richiedere il premio assicurativo di oltre 150.000 dollari. Sembra che la coppia avesse tentato di curare il racconto in ogni particolare: dopo aver effettuato l’amputazione casalinga, si è finto un ritrovamento fortuito nei pressi di una ferrovia. L’amico, fingendo di aver trovato la giovane per caso, ha quindi immediatamente chiamato l’ambulanza. La polizia locale, tuttavia, non ha creduto a questa ricostruzione e, dopo tre mesi d’indagini, è riuscita a ottenere la confessione dai due implicati nel caso.