Vivere la propria fisicità è una delle libertà sacrosante delle donne. Da tempo i social ci mostrano corpi nudi, sexy, sensuali… Chi lo fa per lavoro, chi per mantenere alta la propria autostima, chi per reclamizzare un prodotto… Il web è invaso di immagini di nudità.

In questi giorni mi domandavo quale fosse il lavoro di alcune di queste donne: ex showgirls, vallette, prezzemoline che nonostante non lavorino più nel grande schermo, pubblicano foto in cui la sensualità fa da padrona. Niente di male, ma perchè non puntare anche su altro oltre che sul fisico?

C’è chi per gli scatti troppo osé è stata anche bannata da Instragram: è il caso di Justine Mattera. Scatti hot che fanno impazzire i fans al punto che la foto viene sommersa di commenti (ne avevamo parlato qui). Non più quindi “nudi artistici” dei calendari o di servizi fotografici, ma veri e propri “selfie” per soddisfare il proprio ego e il voyeurismo dei propri seguaci.

Non importa se poi i commenti diventano caldi o imbarazzanti o addirittura volgari. I social permettono di accorciare le distanze ed essere online 24 h su 24. Quindi non serve più aspettare l’uscita del giornale di gossip per sapere cosa fa nella vita reale un Very Important People, basta seguirlo in uno dei social e si entra direttamente nella sua vita, sapendo tutto e vedendo anche l’intimità dello stesso. C’è chi grazie alla nudità diventa anche famosa: è il caso di Laura Cremaschi (qui l’intervista di Leonardo.it alla showgirl) che con i suoi sexy pronostici calcistici diventa un vero e proprio personaggio di Twitter.

Scalpore hanno fatto le foto di Belen con il piccolo Santiago in pose provocanti. Anche Oltreoceano le star usano i selfie (che non a caso è la parola del 2013) per esaltare la propria fisicità: è il caso di Kim Kardashian che mostra orgogliosa il suo lato B (si parla di belfie, scoprite qui di cosa si tratta) in palestra assieme ad un’amica.

Il web come mezzo per fare sfoggio di se stessi, il web per comunicare che “nonostante tutto sono sempre sexy”, il web per non sentirsi soli o sentirsi meno amati.

Se può servire per la propria autostima, ben venga, ma puntare anche su altro oltre che sul fisico, no?!?

(Seguite Elisa anche sul suo sito ufficiale: Elisadospina.com!)

Leggete anche:

Seb il baby modello con la sindrome down che commuove l’Inghilterra.

Social networking: Ego 2.0, quando il condividere sovrasta il vivere.

Uomini stalking: le cinque categorie che li identificano.

Miss Italia selezioni: quelle taglie 44 considerate grasse dalla RAI.

Vittoria Schisano ci svela: “Sono libera e tormentatamente serena”.

Legge contro Anoressia in Israele: un passo forte e importante per la moda.

Photoshop ha cambiato il nostro modo di vedere le foto?

e-Commerce: una realtà che conosce poco la crisi.

Pubblicità volgari: quando lo slogan mortifica le donne.

photo credit: jaysk via photopin cc