Cambiano le dinamiche che violano la sicurezza del nostro paese e di conseguenza devono cambiare anche i vertici della Sicurezza Nazionale stessa. Il Consiglio dei Ministri ha ufficialmente ratificato i nuovi capi della Polizia italiana, individuati in Alessandro Pansa e Franco Gabrielli.

Il Governo Renzi cambia tutto nell’attuale polizia, sostituendo i vertici dell’arma: Alessandro Pansa è stato messo a capo del dipartimento di Pubblica sicurezza del Viminale (DIS), ossia l’organismo che coordina i due servizi segreti italiani, quello interno (AISI) e quello esterno (AISE). Pansa lascia una poltrona di capo della Polizia che sarà occupata dall’ex prefetto di Roma Franco Gabrielli. Il governo dovrà cercare un rimpiazzo anche per la Capitale dopo questi spostamenti.

Il consiglio dei ministri ha, tra gli altri, nominato anche i nuovi capi della sicurezza interna: il capo del servizio segreto civile interno (AISI) coordinato da Pansa, sarà Mario Parente, già a capo dei Ros, e fino ad ora vice del generale Arturo Esposito. La Guardia di Finanza, invece, verrà guidata da Giorgio Toschi che prenderà il posto di Saverio Capolupo poiché il 24 maggio andrà ufficialmente in pensione.

La Marina Militare verrà presa in carico dall’attuale capo di gabinetto del ministro della Difesa, Valter Girardelli. L’ammiraglio Girardelli prende il posto di De Giorgi, in scadenza di mandato. Per quanto concerne il posto da consigliere militare di Palazzo Chigi è stato individuato nella persona di Carmine Masiello, generale dell’Esercito Italiano.

Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha cosi commentato le nuove posizioni della Sicurezza Nazionale: “Abbiamo scelto un metodo e fatto le nomine tutte insieme e inoltre abbiamo scelto di farle per solo due anni perché siamo persone serie e nel 2018 si voterà per eleggere un nuovo governo. Quando si parla di fare delle nomine sulla sicurezza vogliamo valorizzare figure istituzionali. Si tratta di nomine totalmente istituzionali. Non ci sono cordate e cordelline, c’è un meccanismo chiaro per cui ai Servizi ci va il capo della Polizia”.