I Porti di Portofino e Santa Margherita sono fondamentali per il mercato del turismo ligure, basti pensare agli 11.297.733 euro spesi l’anno scorso dagli oltre 90.000 crocieristi che hanno fatto tappa in questi porti.

Questo via vai continuo di turisti in crociera, per quanto possa essere considerato ottimale a livello economico, non si può dire altrettanto a livello ambientale.

Ecco perché nei giorni scorsi è stato definitivamente fissata la zona di fonda per le navi, a 0,7 miglia dalla costa, che dovrebbe limitare sia i danni all’ambiente che migliorare il livello di sicurezza della navigazione.

A commentare questa novità è stato l’Ammiraglio Felicio Angrisano che pensa come ‘la soluzione individuata sta nel giusto equilibrio, è un provvedimento di estrema applicabilità ed apertura per il bene di tutti’.

Per quanto questo limite abbia portato alcuni a lamentarsi, l’ammiraglio sostiene invece che si tratti di un’ordinanza giusta che ‘prevede la possibilità di trovare aree di differenziazione’.