La diffusione di internet prima, e dei social network poi, ha allontanato il web da quella definizione originaria di “mondo virtuale”. Il world wide web è molto più reale di quanto si possa immaginare: sia nelle dinamiche che ha saputo sviluppare molto rapidamente, sia per gli effetti che quanto avviene al suo interno produce nella vita di tutti i giorni e, concedetecelo, nel mondo… Reale.

La rete, pertanto, si propone come una risorsa, una fucina di possibilità e di occasioni da saper cogliere ma, al tempo stesso, il rovescio della medaglia prevede che sia necessario tutelarsi anche da possibili minacce e conseguenze di attività o relazioni che sviluppiamo attraverso pc, smartphone, tablet…

A questo proposito, oggi vi parliamo di ARAG Multioption – Opzione Web@ctive (qui trovate tutti i relativi dettagli), la polizza assicurativa di tutela legale per chi vuole tutelare i propri diritti e la propria sicurezza mentre naviga su Internet o utilizza i social network.

Le polizze di Tutela Legale sono quegli strumenti che garantiscono, alle persone che le scelgono, la tranquillità nell’affrontare le spese legali e peritali che ci si può eventualmente trovare a sostenere nel corso del tempo. In altre parole, una polizza di Tutela Legale è quel tipo di assicurazione che copre le spese dell’avvocato e quelle dei periti necessarie per far valere i propri diritti di fronte alla legge

Quali servizi offre ARAG MULTIOPTION – Web@ctive? Presto detto.

- Chiedere il risarcimento danni extra contrattuali subiti al responsabile del reato commesso tramite l’utilizzo del web; è compresa la richiesta di eliminare dalle pagine web e dai Social Network la pubblicazione che ci danneggia a condizione che esista un procedimento penale nei confronti del responsabile. Ad esempio:

Mio figlio subisce minacce ed atti di bullismo da parte dei suoi compagni di scuola tramite pubblicazioni su un social network.

- Godere della difesa penale di un avvocato in caso di delitti dolosi commessi tramite l’utilizzo del web a condizione che vi sia stata assoluzione. Un esempio:

Vengo accusato di diffamazione nei confronti di una persona per aver espresso le mie opinioni su un blog, ma riesco a dimostrare la mia totale innocenza.

- Far valere i propri diritti in caso di controversie riguardanti contratti di acquisto di beni e servizi conclusi via web su portali di commercio elettronico.

Compro un televisore su internet pagandolo con la carta di credito. Il televisore non mi viene mai spedito e non riesco ad ottenere la restituzione dei soldi anticipati.

- Far valere i propri diritti in caso di controversie con il fornitore della rete internet, anche qualora il contratto non sia stato stipulato mediante l’utilizzo del web.

Il mio nuovo fornitore di internet mi allaccia alla rete con notevole ritardo rispetto alla data di conclusione del contratto, non rispettando i tempi previsti dal contratto stesso e causandomi danni economici e dei disagi.

Publiredazionale