La politica italiana ha bisogno di Silvio Berlusconi, Silvio Berlusconi ha bisogno della politica italiana. Un rapporto che, nonostante le varie vicissitudini giudiziarie del Cavaliere, non sembra finire mai. Possibile? A quanto pare, sì.

Sì perché l’ex Premier è ancora lì, leader di un partito nato con lui, che ha prima sepolto e ora rimesso in piedi per tornare a gareggiare nell’arena politica. Nessuno riesce a vivere senza di lui, nonostante ricatti (politici, s’intende…) e condanne varie. Anzi, diventa addirittura un perseguitato dalla giustizia. La politica italiana è proprio come un calcinculo (la giostra, ça va sans dire…) ma alla fine tutto ruota sempre intorno a lui, Silvio Berlusconi. Come prima, più di prima. Perché anche oggi vige l’accordo con Matteo Renzi per la riforma elettorale, un’alleanza tanto strana quanto nuova. E all’orizzonte si prefigura anche la richiesta di grazia, gridata a gran voce per via del suo essere perseguitato. Senza dimenticare, ovviamente, il volersi candidare alle elezioni europee. Berlusconi c’è e si vede: ma finirà mai la sua epopea politica italiana? Per ora, all’orizzonte, non sembrano esserci segnali di resa.

Alfano contro Berlusconi: “Forza Italia non è né carne né pesce”

Silvio Berlusconi Forza Italia: “Porte aperte ai nuovi”. Verso l’alleanza con M5S e Lega

Berlusconi lista nera: ecco i nomi dei politici banditi dalla televisione