[AGGIORNAMENTO ore 11.40]: Marika è stata ritrovata da poco. Si tratterebbe davvero di allontanamento volontario, dato che la giovane si sarebbe rifugiata a casa di familiari nei pressi di Paternò, in provincia di Catania.

Giallo a Siracusa: dove dalla serata di ieri si registra la scomparsa della piccola Marika. Sono infatti in corso le ricerche della tredicenne che dalle 19 di pomeriggio, dopo la fine della sua lezione di nuoto sincronizzato, risulta essere irrintracciabile.

Capelli lunghi scuri, una maglietta blu, un borsone fucsia e jeans strappati: questa la descrizione della ragazza fornita dalle sue amiche, interrogate dalla polizia, che l’hanno vista per l’ultima volta mentre usciva dall’uscita secondaria della Cittadella dello sport.

A quanto pare Marika avrebbe dato appuntamento a una persona ignota all’uscita della struttura, sulla base del racconto delle ragazze che affermano di aver visto la tredicenne parlare al cellulare. Da allora però il telefono risulta irraggiungibile e nessuno sa dove si trova la ragazza.

marika siracusa scomparsa

Per il momento l’ipotesi che più convince gli investigatori è quella dell’allontanamento volontario, ma non si escludono altre piste.

Le ricerche sono in corso dopo la richiesta di aiuto avanzata dal padre, rimasto ad aspettarla invano davanti al centro sportivo. La famiglia ha diffuso una fotografia della ragazza per facilitarne l’identificazione.

Marika è una studentessa dell’ultimo anno delle medie presso l’istituto Vittorini di Siracusa, ha un fratello di 15 anni e abita nella zona nord della città. Di recente avrebbe avuto una discussione con alcuni compagni di classe.