Sta circolando in questi giorni sui vari social network e sulle applicazioni di chat un’allarme privo di fondamento riguardante la presenza di siringhe infette nelle pistole erogatrici di benzina.

Questo il testo dell’annuncio, che viene corredato da un’immagine esplicativa: “Attenzione, questa è la nuova bastardata che stanno facendo in giro nelle stazioni di servizio. Mettono delle siringhe infette da HIV nelle pistole erogatrici di carburante. Fate attenzione e fate girare“.

L’allarme si è trasmesso molto velocemente, generando panico e ansia in tutta Italia. Tuttavia si tratterebbe di una conclamata fake news, come hanno avuto modo di segnalare siti preposti all’attività di debunking quali Bufale.net e Butac.it.

Tra l’altro la notizia in questione già da molto tempo circola negli Stati Uniti e solo ora è arrivata nel nostro Paese.

siringhe_infette_hiv

L’allarme è del tutto infondato, per quanto negli USA sia stato registrato il caso di un uomo (uno solo, però) che si è punto con l’ago di una siringa incastrata proprio nello strumento per erogare la benzina, a San Bernardino. L’uomo è ancora in attesa dei risultati che gli diranno se ha contratto una qualche malattia e la foto sarebbe proprio quella scattata per dimostrare quanto avvenuto.

Le autorità italiane nel frattempo non hanno ritenuto di dover diffondere informazioni riguardanti il presunto rischio di contagio: decisione che evidenzia come al momento non vi siano alcuni rischi concreti e verificati.