E’ di 4 morti e 2 feriti il bilancio dello schianto aereo avvenuto questo pomeriggio all’aeroporto di Siviglia che ha visto coinvolto un cargo militare Airbus A400M, con a bordo un equipaggio di 10 persone, precipitato in fase di decollo: al momento dell’incidente stava effettuando dei test di volo. A comunicare il numero delle vittime è stato il rappresentante del governo spagnolo per l’Andalusia, Antonio Sanz, secondo il quale l’ultimo cadavere recuperato potrebbe essere presumibilmente quello del membro dell’equipaggio che risultava finora disperso. I due feriti per ora accertati rimangono in gravi condizioni.

Poco prima dello schianto, la cabina di pilotaggio aveva avvertito di problemi nella conduzione. Ancora sconosciute le cause della tragedia, anche se alcuni testimoni oculari citati dalla televisione spagnola riferiscono di aver visto l’apparecchio volava a una quota molto bassa.

Il velivolo, un Airbus A400M, stava effettuando un test di volo quando è avvenuto l’incidente. Lo scalo è stato chiuso e tutti gli aerei dirottati verso Malaha e Jerez ma dopo un’ora e mezza, secondo quanto annunciato dalla ‘Aena’, la compagnia che controlla e gestisce l’impianto “l’aeroporto è tornato operativo dalle 14,15″. Lo schianto dell’aereo ha provocato un blackout in una zona industriale nel quartiere periferico di Carmona. Almeno per l’intera giornata di oggi, la campagna elettorale in vista delle regionali e delle municipali previste per il 24 maggio prossimo è stata sospesa.