Musa e grande amica del designer Liborio Capizzi, Skin ha scelto di indossare alcuni capi della collezione Di Liborio Etichetta Rossa per il primo tour acustico degli Skunk Anansie in Europa.

La sua voce è tra le più significative del panorama rock internazionale. La sua presenza scenica colpisce e conquista per la sua forte intensità. Energica, profonda, vibrante è anche la modulazione che l’eclettica artista offre dell’universo femminile di Liborio Capizzi.

Dall’arte alla moda, passando per la musica, l’universo del designer si è sempre caratterizzato per la fusione di diversi elementi creativi, con influenze in settori artistici ed estetici ben distinti tra loro ma, allo stesso tempo, complementari. Come il décor, la scenografia, il costume teatrale, il fashion design, il rock e soprattutto il punk, la cui estetica simbolica è sempre stata per lui fonte di grande ispirazione.

Un percorso contraddistinto da un costante e appassionato riferimento al senso del bello e dell’eleganza, che l’ha ispirato e guidato fino all’incontro con il maestro e amico Gianfranco Ferré grazie al quale ha potuto affinare e ampliare le proprie capacità, dando libera espressione al suo personale codice creativo.

Dopo aver viaggiato in tutto il mondo, Liborio Capizzi torna a Milano, in un loft dalle parti di Porta Nuova che è casa, atelier, “refugium pensatorum”, fonte di ispirazione, cabinet de curiosités.

Proprio qui nasce Di Liborio, il nuovo progetto del designer siciliano che si esplica in tre distinti momenti: Etichetta Rossa, che ogni stagione prende in esame un capo del guardaroba femminile declinandolo e rielaborandolo per una produzione seriale, Etichetta Bianca, la couture tagliata e cucita sull’occasione e il corpo della cliente e Etichetta Nera quei capi del guardaroba personale che smembrati e ricostruiti diventano nuovi pezzi unici.

(Valentina su Lookdarifare)

Leggi anche:

 Lo stile L’Autre Chose alla conquista di Parigi

Il lusso di Vacchiano