L’emergenza smog che affligge decine di capoluoghi italiani preoccupa gli amministratori locali autorizzati dal Ministero dell’Ambiente ad applicare misure straordinarie per contenere le polveri sottili.  A Napoli la giunta di Luigi De Magistris ha preso un provvedimento drastico per abbattere l’inquinamento ordinando il blocco del traffico fino a sabato.

La misura restrittiva interesserà circa 350 mila veicoli. A non poter circolare in città per ben 6 giorni consecutivi saranno tutte le auto più inquinanti: dai veicoli euro 0 agli euro 3. Potranno invece circolare le auto a GPL e a metano, le euro 4 e tutti i veicoli elettrici. Le ore di blocco previste dall’ordinanza vanno dalle  9,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 19,30 per consentire ai pendolari di recarsi al lavoro e tornare a casa nelle ore di punta. Il divieto è stato esteso anche all’area del porto.

La nuova ordinanza prevede delle deroghe per i taxi, gli autobus, i veicoli delle forze dell’ordine, le auto che trasportano almeno 3 persone a bordo o medici, i veicoli che trasportano diversamente abili,  i veicoli guidati da cittadini che non risiedono in Campania. Per quanto riguarda i ciclomotori potranno circolare i motoveicoli a 4 tempi e quelli a 2 tempi con omologazione euro 2 e successive.

Smog: Galletti convoca nuovo vertice straordinario

Mentre il Comune di di Napoli corre ai ripari anche il Ministero dell’Ambiente si è attivato per cercare di arginare l’emergenza smog nei capoluoghi italiani. Il ministro Gian Luca Galletti ha convocato per domani a Roma un nuovo vertice straordinario con sindaci e governatori regionali. L’obiettivo dell’incontro è discutere dell’attuazione del piano antismog approvato dal Ministero il 30 dicembre 2015.

Galletti ha sottolineato che l’emergenza smog non si può risolvere soltanto con i blocchi del traffico infrasettimanali e le domeniche ecologiche. L’attuale situazione è infatti causata da un inverno anomalo, caratterizzato da temperature sopra la media e precipitazioni scarse. Per il ministro senza l’arrivo delle piogge sarà difficile abbassare i livelli di polveri sottili. Purtroppo le previsioni meteo non sono incoraggianti: nei prossimi giorni l’anticiclone continuerà a stazionare sulla penisola  rendendo difficile dissipare la cappa di smog.