Con l’arrivo dell’estate, proliferano anche le truffe via sms. Bisogna fare tanta attenzione perché esisterebbero dei numeri di telefono pronti ad azzerare il credito telefonico dei malcapitati utenti. Numeri pericolosissimi per le “tasche” degli italiani che, senza accorgersene, si vedono ridurre, improvvisamente, il proprio credito. A destare preoccupazione – in queste settimane – è soprattutto l’attivazione di un servizio sms a pagamento o di un abbonamento a costi davvero esorbitanti. A comunicarlo è direttamente la Polizia di Stato sul profilo Facebook “Una vita da social”.

Attenti alla truffa via sms

“Quello che vi raccontiamo è accaduto ad una nostra amica. Se come noi, anche voi navigate molto dal vostro smartphone, è probabile che via sia capitata la stessa disavventura, ovvero l’attivazione di un servizio sms a pagamento o di un abbonamento dai costi esorbitanti. Si parla spesso di un minimo di 5 euro a sms o a settimana per ricevere sms, oroscopi, immagini, suonerie, che vengono attivate a nostra insaputa” scrive la Polizia di Stato su Facebook. E ancora: “Nel caso della nostra amica succede che si imbatte in una notizia, clicca su leggi e subito arriva la richiesta di abbonamento ad un servizio truffaldino notificato dall’arrivo di un sms. Solitamente questi abbonamenti si chiamano sms o servizi a sovrapprezzo o sms premium contenenti loghi, wallpaper, suonerie e videosuonerie ma anche screensaver, giochi, applicazioni e chat/community”.

“Come potete immaginare è stata grande la sorpresa quando si è ritrovata abbonata a un servizio in abbonamento a pagamento senza che l’avesse richiesto. Per rimediare a ciò, ha dovuto fare parecchie chiamate al centro assistenza del suo operatore prima di disattivarlo e farsi restituire i soldi, e la disattivazione di sms da parte di terzi [...] Gli operatori comunque non sono responsabili perché questi servizi sono gestiti da provider esterni. Questo tipo di abbonamenti SMS/MMS si chiamano infatti “servizi a sovrapprezzo” aggiunge la Polizia di Stato.

Come bloccare gli sms truffaldini

Per bloccare l’attivazione di questo tipo di servizi a sovrapprezzo dovrete richiedere al vostro operatore il “Barring Sms”, ovvero uno sbarramento verso tutti gli sms a pagamento non richiesti in decade 4 (ovvero 43,44,46,47,48,49), 899, 166 etc. Nello specifico, potrete richiedere il “Barring” (sbarramento) al vostro operatore o un blocco degli sms premium. L’operazione è totalmente gratuita per gli utenti.
I numeri da chiamare per bloccare gli sms truffaldini sono i seguenti: Tim 119; Vodafone 190; Wind 155 e Tre 133.