Alle ore 10:51 di oggi, sabato 21 giugno, celebreremo il Solstizio d’estate! In astronomia esso è definito come il momento in cui il Sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, il punto di declinazione massima o minima (massimo di declinazione positiva nel mese di giugno, in occasione del Solstizio d’estate boreale; massimo valore di declinazione negativa in dicembre, in occasione del Solstizio d’inverno boreale).

Per noi comuni mortali, il Solstizio rappresenta invece, molto più semplicemente, uno dei giorni più lieti dell’anno, in quanto portatore di luce e gioia, legati all’arrivo dell’estate. E’ questo, infatti,  il giorno in cui potremo godere del massimo di ore di luce e accogliere ufficialmente la stagione estiva.

Pur costituendo il giorno più lungo dell’anno, la particolarità del Solstizio d’estate è quella di rappresentare al contempo il massimo trionfo di luce e vita, ma anche l’inizio della fase calante dell’anno: da questo momento in poi le giornate ricominceranno infatti ad accorciarsi, raggiungendo l’apice il 21 dicembre, giorno del Solstizio d’inverno e notte più lunga dell’anno.

La parola “Solstizio” deriva dal latino “Solis statio”: fermata, arresto, in riferimento al particolare momento astronomico in cui il sole non si alza né si abbassa rispetto all’equatore celeste. L’astro in questo periodo sembra infatti fermarsi, sorgendo e tramontando sempre nello stesso punto sino al 24 giugno, quando ricomincerà a muoversi sorgendo gradualmente sempre più a sud sull’orizzonte.

Il fenomeno del solstizio ritarda inoltre di circa sei ore ogni anno, salvo subire un nuovo riposizionamento indietro ogni quattro anni, in conseguenza degli anni bisestili, introdotti proprio per evitare un progressivo disallineamento delle stagioni con il calendario. A causa di queste variazioni può quindi capitare che il solstizio astronomico cada nell’emisfero nord (emisfero boreale) il 20 o il 21 giugno per l’estate e il 21 o 22 dicembre per l’inverno. (PER SCOPRIRE TUTTE LE TRADIZIONI LEGATE AL SOLSTIZIO CLICCA QUI)

photo credit: denovich via photopin cc