La sonda Cassini da oggi non esiste più. Verso le 14, infatti, il veicolo spaziale è entrato nell’atmosfera di Saturno dove si è distrutto e ovviamente non sarà più raggiungibile dalle comunicazioni terrestri.

Verso le 14 di oggi la sonda realizzata da Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi) andrà a scomparire per sempre nell’atmosfera del pianeta Saturno, dove si distruggerà.

La sonda Cassini è stata lanciata 20 anni fa e, da 13 anni, regala interessanti scorci e registra importantissimi dati volando silenziosamente fra gli anelli di Saturno. Grazie a questa sonda si sono inoltre fatte importantissime scoperte, ad esempio, che una delle lune di Saturno, Titano, è ricca di fiumi di idrocarburi mentre un’altra luna, Encelado, nasconde sotto i suoi ghiacciai un oceano che potrebbe addirittura ospitare la vita.

Una distruzione della sonda Cassini è stata voluta dal team della Nasa per evitare che un impatto vada ad inficiare nuove possibili scoperte. Tantissimi i chilometri macinati dalla sonda Cassini percorrendo 294 orbite in 13 anni attorno al pianeta Saturno.