Lanciata 35 anni fa insieme alla sua gemella (Voyager 2), a un mese di distanza l’una dall’altra, la sonda Nasa Voyager 1 sta per entrare nell’inesplorato spazio interstellare, oltre il sistema solare.Varcherà una soglia che nessuna macchina di fabbricazione umana aveva mai oltrepassato prima.

Il programma di esplorazione Voyager aveva come obiettivo lo studio dei pianeti esterni del sistema solare. Le due sonde, dal 1977 ad oggi, hanno sorvolato Giove, Saturno, Urano, Nettuno oltre che 48 dei loro satelliti.

Attualmente Voyager 1 si trova a 18,5 miliardi di chilometri dal sole, in una inattesa “autostrada magnetica“: uno spazio dove le particelle ad alta energia provenienti dallo spazio interstellare entrano nel sistema solare mentre quelle a bassa energia fuggono via. La Nasa afferma: “La scoperta di questa zona non è quello che ci aspettavamo“.

Gli scienziati deducono che questa regione, nonostante le sua particolari caratteristiche, faccia ancora parte della nostra “bolla solare”: la direzione delle linee del campo magnetico rilevata da Voyager 1, infatti non è cambiata, cosa che accadrà invece quando giungerà nello spazio interstellare.

“Secondo i nostri calcoli, Voyager 1  potrebbe uscire dal sistema solare entro due mesi, al massimo entro due anni.” ha detto Edward Stone, responsabile del progetto presso l’istituto di tecnologia della California a Pasadena, il Caltech.

photo credit: oursolarsystem via photopin cc