Un ladro – che aveva fatto irruzione in un’abitazione a Latina – è stato ucciso a colpi di pistola dal proprietario della casa mentre stava tentando di rubare. I carabinieri adesso stanno indagando per ricostruire meglio la dinamica dei fatti che ha portato alla morte di uno dei tre malviventi. A dare l’allarme sono stati i residenti della zona che si trova nei pressi di un noto centro commerciale, che collega il capoluogo al lungomare.

Il ladro ucciso ha 41 anni ed è di Napoli

A sparare, stando alle prime indiscrezioni, sarebbe stato un avvocato di Latina che, recandosi nella casa del padre, avrebbe sorpreso i ladri: l’uomo, di 47 anni, avrebbe un regolare porto d’armi e sarebbe stato trovato con due caricatori di 13 munizioni.

I colpi, secondo le prime risultanze investigative, sarebbero stati tra 6 e 8. Il ladro ucciso sarebbe di nazionalità italiana, un napoletano di 41 anni, mentre gli altri due sarebbero in fuga. Sul posto polizia e carabinieri.

“Ho visto uno dei ladri infilare la mano in tasca e ho avuto paura, preso dal panico ho sparato molti colpi ma non volevo uccidere nessuno” ha dichiarato l’avvocato agli agenti.