Piacciono ai piccoli, ma fanno impazzire anche gli adulti, soprattutto in Russia. Parliamo delle sorprese degli ovetti Kinder, collezionate dalla signora Lesia Pogorelova come fossero delle reliquie preziose.

La sua collezione, infatti, ha superato i 15 mila pezzi segnando un vero e proprio record:  “Ho iniziato a fare la collezione di Kinder sorpresa nel 1994, quando nacque mia figlia, ma in realtà ne avevo già iniziata una quando ero piccola“, racconta Lesia che è stata premiata proprio dalla Ferrero all’Art Cafè Rukav.

Il suo caso testimonia il successo internazionale del noto marchio italiano che solo in Russia occidentale produce ben 33mila tonnellate all’anno di prodotti. I primi ovetti Kinder, però, sono stati importati nel paese già alla fine degli anni 80 dando il via ad una tradizione di collezionismo divenuta ormai storica: gli appassionati ancora oggi si ritrovano ogni sabato alla fermata della metropolitana Marxistkaja. “Quando ci incontriamo non ci manca nulla. Tutti i problemi e le difficoltà della vita spariscono. Questa collezione mi ha cambiato la vita” spiega divertita Lesia.