I comuni possono stare tranquilli, dopo l’allarme lanciato il 20 settembre dall’Anci, l’associazione che riunisce i comuni italiani, sull’impossibilità di pagare gli stipendi ai dipendenti in caso di non versamento da parte dello Stato dell’importo equivalente alla prima rata dell’Imu, sospesa dal Governo.

Si tratta di 2,3 miliardi di euro. Dopo la conferenza Stato-Città tenuta il 25 settembre, il ministro per gli Affari regionali Graziano Delrio (foto by InfoPhoto)ha confermato: “Verranno erogati 2,3 miliardi di euro come rimborso della prima rata Imu; inoltre 6,7 miliardi di euro andranno a finire nel fondo di solidarietà e 120 milioni verranno riconosciuti come costi aggiuntivi“.

Tra le città principali, Roma riceverà 290 milioni; Milano 73 milioni, Torino 75, Napoli 35.

E il rimborso della seconda rata? Delrio ha aggiunto: “Non c’è dubbio che il rimborso si farà, però terremo conto soltanto dei Comuni che al momento hanno già deliberato gli aumenti delle aliquote“.