Un uomo ha aperto il fuoco in due centri ebraici nel Kansas e al grido di “Heil Hitler” ha ucciso tre persone e ferita una in modo molto grave.

La duplice sparatoria è avvenuta domenica pomeriggio prima nel parcheggio del Jewish Comunity Center di Overland Park (Kansas City) poi nel villaggio di Shalom, una casa di riposo per anziani a meno di due kilometri di distanza.

Il bilancio è di tre morti, tra cui una anziana donna e un ragazzino, un 14enne è rimasto ferito ed è ricoverato in condizioni critiche nell’ospedale della città.

Nel ‘Lewis and Shirley White Theatre’ del Jewish Comunity Center erano in corso le audizioni degli adolescenti per il concorso ‘Kc (Kansas City) Superstar’, presenti per l’occasione numerose famiglie in festa, poteva essere una carneficina. (foto by infoPhoto)

L’assassino è un neonazista di circa 70 anni di età, arrestato poco dopo la sparatoria nei pressi di una vicina scuola elementare. L’uomo avrebbe usato un fucile e una pistola, testimoni hanno riferito alla stampa sul posto che prima di sparare chiedeva “sei ebreo?” e mentre veniva portato via in manette avrebbe fatto affermazioni chi chiaro stampo antisemita, mentre continuava a sorridere.