Succede a Napoli, al vico delle Nocelle, dove sono stati uccisi, in pieno giorno, due pregiudicati, a pochi passi dalla centralissima Piazza Dante. Potrebbe trattarsi di un raid di camorra, dell’ennesimo agguato: secondo gli inquirenti, infatti, le due vittime (ma anche un terzo ferito, Pasquale Amodio, ndr), già note alle forze dell’ordine, sarebbero elementi di spicco della criminalità organizzata, probabilmente legati ad un clan molto attivo nel Rione Sanità. I tre uomini, secondo le prime indiscrezioni, si trovavano a bordo di uno scooter, nei pressi del vico delle Nocelle, quando sono stati raggiunti dai sicari di un clan rivale.

Napoli, raid di camorra

Le due vittime – Ciro Marfè e Salvatore Esposito – avevano 25 e 32 anni ed erano già note alle forze dell’ordine, stando alle prime informazioni trapelate. Sul posto sono immediatamente intervenuti i Carabinieri che stanno cercando di far luce sull’accaduto. L’unico ferito di questa terribile sparatoria, a Napoli, non sarebbe in condizioni critiche: si tratta di un 43enne che avrebbe riportato soltanto una ferita alla schiena ma non sarebbe affatto in pericolo di vita. Al momento, però, rimane ricoverato al Vecchio Pellegrini.

Continua, dunque, la lotta tra i clan per il controllo del territorio, per la conquista delle piazze di spaccio a Napoli.