Succede a Marianopoli, in provincia di Caltanissetta, dove un matrimonio è finito in rissa. Sembra un film e, invece, è realtà. E’ accaduto veramente. Doveva essere il giorno più importante della loro vita, un giorno indimenticabile per i due sposini appena maggiorenni, doveva essere il coronamento del loro amore. Invece, si è trasformato in una rissa con tanto di Carabinieri che sono dovuti intervenire per placare gli animi dei presenti. Dopo la funzione religiosa, come tradizione vuole in Sicilia, gli sposi e gli invitati si sono recati al ristorante per il consueto banchetto nuziale alla presenza di amici e parenti. Un momento di festa, condivisione e grande gioia. Lì, però, è successo qualcosa di strano. A riporta la notizia, per primo, è il Giornale di Sicilia.

Il tradimento dello sposo

Durante il party lo sposo sarebbe sparito per molto tempo (per mezz’ora circa, ndr) detestando qualche sospetto. Dov’era finito? Cos’era successo? Perché non faceva ritorno in sala? Il suocero, così, si mette alla ricerca dell’uomo e lo sorprende – a suo dire – in una suite della sala trattenimenti in compagnia della testimone. I due, stando alle prime informazioni trapelate, stavano amoreggiando all’insaputa di tutti. Lo sposo, dunque, aveva gli occhi per un’altra, ancor prima di cominciare la vita di coppia con la sua neo-moglie. Il matrimonio, di fatto, è terminato ancor prima di cominciare, forse una delle nozze più veloci della storia.

Non basterà il “divorzio breve” per far dimenticare alla sposa quella giornata terribile, quel tradimento “in diretta” mentre tutti gli invitati attendevano l’arrivo dello sposo in sala. Subito dopo l’amara scoperta, infatti, la festa sarebbe finita in rissa al punto che i Carabinieri sono dovuti intervenire per evitare il peggio tra i 200 invitati al party di nozze a Marianopoli, in provincia di Caltanissetta. Nello specifico, sarebbe scoppiata una vera e propria rissa tra le famiglie, da una parte quella della sposa che accusava, senza mezzi termini, l’uomo del tradimento; dall’altra, quella dello sposo, che difendeva l’uomo parlando di un semplice ed evidente equivoco. Qual è la verità? Chi ha ragione?

Rissa alla presenza di 200 invitati

Intanto tra le due famiglie ci sarebbero stati momenti di tensione difficili da dimenticare, soprattutto in una giornata come quella. A placare gli animi dei 200 invitati, in un primo momento, erano stati gli stessi camerieri del ristorante; poi si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine. La rissa non intendeva bloccarsi e la situazione era diventata difficile da controllare.