A Parigi Stella McCartney porta in scena ciò che le riesce meglio.

Sulla passerella si vedono e si rivedono forme over, ovunque.

La fw 2013/14 vive infatti di tutte quelle linee morbide tanto care alla designer inglese, che qui si diverte a reinventare il maschile per vestire la figura femminile.

I cappotti si perdono così in maxi volumi, seguiti da maglioni ampi e vestiti fluidi. Il tutto sempre sulla regola del mix&match, che vuole la felpa abbinata al pizzo.

Stella McCartney si diverte e si vede. Outfit dopo outfit, in passerella sfilano modelle che si mostrano forti nei loro completi gessati ma anche femminili nelle sete morbide e fluenti.

E se questa è la collezione, da quale palette cromatica poteva attingere la stilista?

Da una palette fatta di Black&White, ovviamente. Che di tanto in tanto si incontrano e si ingentiliscono nel gessato, pur rimanendo fieri.

Detto così sembra quasi di vedere il cielo grigio e fumoso di Londra, città natale della nuova regina della moda inglese, che ben si abbina al tocco british del tartan.

Ma ecco che, all’improvviso, arrivano nuances forti e accese come il viola e il fucsia. Loro però non si mescolano, loro però non si perdono: che vadano a ravvivare un cappotto over o una maxi blusa poco importa, non dividono la scena con nessuno.

In questo contrasto di colori fanno capolino anche le stampe, che recitano “skate” in nome di capi dal taglio androgino.

Una collezione seducente in ogni sua sfumatura, comprese le clutch rigide di diverse tonalità e qualità di legno che si fanno portavoci dello spirito eco-innovativo che muove la mani di Stella McCartney.