Mentre Obama spinge per limitare la vendita di armi negli Usa, una ragazza adolescente dell’Arizona aveva pianificato un’altra strage in una scuola. Ma questa volta è stata arrestata prima che potesse uccidere.

La potenziale assassina ha 16 anni e vive a Mesa, nella periferia di Phoenix. Ha problemi psichiatrici. La polizia ha trovato tre armi da fuoco nella casa dei genitori, i quali hanno detto che la figlia aveva recentemente chiesto dove si trovassero.

La ragazza ha confessato agli agenti di aver progettato un attentato nel proprio liceo. Voleva provocare un’esplosione, per poi portarsi oltre il cancello della scuola e sparare alle persone che avrebbero cercato di uscire.

La polizia è riuscita ad intervenire in tempo perché la ragazza aveva annunciato le proprie intenzioni in un messaggio inviato su YouTube, nel canale di una comunità transex della città canadese di Toronto. Il gestore di quel canale ha immediatamente avvisato la polizia canadese, che a propria volta ha girato la segnalazione agli agenti di Phoenix.

Nel messaggio la ragazza aveva scritto di avere intenzione di fare parecchio male, di uccidere, assassinare la gente del proprio college. Durante l’interrogatorio, ha poi precisato di aver progettato la strage prima dei fatti di Newtown (foto by InfoPhoto).

LA STRAGE NEL CONNECTICUT

Strage scuola Connecticut: Obama cambierà la legge sulle armi “Non proteggiamo i nostri figli”

Un ballerino sociopatico e vegano

Strage scuola Connecticut: Obama in lacrime, è ora di azioni significative

Strage scuola Connecticut: l’assassino aveva 24 anni, madre trovata morta in casa