Salgono a tre le vittime italiane della strage di Barcellona in cui un furgone è piombato sulla folla causando 14 morti tra i passanti che si trovavano sulla Rambla. Dopo qualche ora un secondo attacco a Cambrils dove sono stati uccisi i tre attentatori; paura anche in Finlandia e in Germania.

Strage Barcellona: Bruno, Luca e Carmen sono le vittime italiane

Le vittime italiane dunque sono il 35enne Bruno Gulotta, che lascia moglie e figli, e il 25enne Luca Russo. A questi si aggiunge l’80enne, residente in Argentina ma originaria della provincia di Potenza: si chiamava Carmen Lopardo e abitava in Argentina da più di 60 anni. Nel momento del tragico attentato si trovava a Barcellona da turista: a comunicare il suo decesso è stato il Ministero degli Esteri argentino che ha espresso “ferma condanna al terrorismo in tutte le sue manifestazioni”. 

Tra i morti anche gli attentatori, tutti giovanissimi, tra i 17 e i 24 anni, di origini marocchine. In fuga Younes Abouyaaaqoub, il marocchino che era alla guida del furgone lanciato sulla Rambla. Secondo la polizia catalana, gli attentatori preparavano da tempo un attacco e la loro base era a 200 chilometri da Barcellona: una cellula composta da 12 persone che aveva in mente un attentato ancora più devastante.