Elizabeth si trovava in casa con i suoi due figli. Aveva 29 anni e aveva già appeso alle finestre e alla porta di casa gli addobbi di Natale. Una famiglia tranquilla fino a quando, all’improvviso, ha fatto irruzione V. V., di 56 anni, ex della donna, originario di Seveso, che l’ha strangolata davanti ai suoi figli piccoli. I tre si trovavano al secondo piano di una palazzina di Seveso.

Strangola l’ex, usa una pentola con acqua

L’uomo sarebbe entrato in quell’appartamento alle 23.45 per uccidere Elizabeth, la sua ex compagna con la quale da tempo era terminato il rapporto. L’aguzzino ha subito confessato l’atroce delitto, di averla strangolata (sembra che abbia utilizzato persino una pentola con acqua per affogarla): i primi ad entrare nell’appartamento sono stati i carabinieri della compagnia di Seregno che lo hanno arrestato e portato in caserma. Poi è stato interrogato di notte dal pm di Monza Giulia Rizzo.

Strangola l’ex, i due figli assistono al delitto

Prima che l’uomo uccidesse l’ex, pare, ci fosse stato un litigio tra i due alla presenza dei figli che avrebbero assistito all’omicidio. Stando alle prime informazioni trapelate, la vittima aveva convissuto con l’uomo per anni e poi si erano lasciasti, anche se pare dormissero sotto lo stesso tetto. Sul corpo verrà eseguita l’autopsia.