Striscia la notizia ieri sera ha mandato in onda un servizio destinato a sollevare un gran polverone. Il programma satirico ha tramesso un’inchiesta in cui Luca Abete svela alcuni traffici illeciti presenti in un campo rom di Napoli.

Luca Abete di Striscia la notizia ha indagato su uno sporco, è proprio il caso di usare questo termine, giro di affari che si nasconde dietro allo smaltimento abusivo dei rifiuti a Napoli. L’inviato del programma di Canale 5 ha mostrato agli spettatori l’enorme mole di spazzatura e immondizia presente all’interno dei campi rom.

Striscia la notizia ha inoltre scoperto che dietro a queste discariche abusive presenti nel campo rom di Napoli si cela un traffico illecito che viene gestito da un gruppo sia di italiani che di persone di nazionalità rom. Persone che sfruttano la povertà per smaltire, il tutto naturalmente all’insegna dell’illegalità, una serie di rifiuti particolari che comprendono persino macerie di imprese edili, moto ad acqua, copertoni e parecchio altro.

Attraverso il suo profilo Facebook, l’inviato di Striscia Luca Abete ha commentato questa spiacevole scoperta nel campo rom di Napoli scrivendo: “Le discariche adiacenti ai campi rom sono una vera e propria TERRA di NESSUNO dove italiani senza scrupoli pagano gli abitanti della baraccopoli per smaltire rifiuti speciali di ogni tipo! Abbiamo indagato e scoperto i meccanismi di questo SPORCO AFFARE che fa comodo a pochi e danneggia la salute di tante persone innocenti!”.

Il video dell’inchiesta è visibile sul sito di Striscia la notizia.