Stupra una minorenne, la mette incinta e violenta anche la figlia. Questa la raccapricciante storia per cui Gordon Dean, un uomo di quasi 80 anni, è stato condannato dalla corte di Liverpool. Una decisione choc quella che potrebbe essere presa per l’uomo condannato per pedofilia. Una storia, quella raccontata dal Mirror, che ha letteralmente sconvolto il Regno Unito. Dean avrebbe stuprato per anni una ragazzina di soli 13 anni mettendola incinta e, come se non bastasse, avrebbe poi stuprato anche la figlia.

Una violenza durata quasi 7 anni, dai 13 ai 20 anni di vita della giovane, alla quale la ragazza è stata sottoposta a insaputa di tutti. Secondo quanto riporta il Mirror, dopo le ripetute violenze, la bambina è rimasta incinta e l’uomo avrebbe iniziato a stuprare ripetutamente anche quella che geneticamente era sua figlia, abusando di lei dall’età di 8 anni fino a quando non ne ha compiuti 12.

Una volta arrestato Dean ha negato tutte le accuse ma la prova del dna lo ha letteralmente inchiodato. Dichiaratosi allora colpevole di sei capi di imputazione per stupro, violenza su minore, indecenza verso un bambino, offesa al pudore, aggressione e danni fisici, l’uomo, senza precedenti penali, è stato arrestato.

“A causa sua non so cosa voglia dire essere una persona normale. Mi sento derubata della mia infanzia. Mi sentivo in colpa e inutile, risultato stesso di un peccato. Ho pensato di porre fine alla mia vita con un flaccone di pillole, ma l’essere cristiana mi ha fermato”, ha detto in aula la più piccola delle vittime. Le ragazze, per tutto il terribile incubo che sono state costrette a vivere per anni, non hanno mai raccontato a nessuno le orribili torture alle quali venivano sottoposte da Gordon Dean: l’uomo infatti le minacciava ripetutamente  dicendo loro che se avessero mai raccontato a qualcuno delle sue violenze sarebbero accadute ”cose cattive “