Non accennano ad arrestarsi le polemiche nella città di Roma. Dopo gli scandali di Mafia Capitale, i funerali del boss di Casamonica, le dimissioni del sindaco Ignazio Marino e altre inchieste varie, il senatore del Partito Democratico e assessore ai Trasporti di Roma Stefano Esposito ha denunciato un fatto piuttosto singolare sulla sua pagina Facebook.

Il Senatore avrebbe scoperto che Francesco Spada, membro del clan di Ostia, si sarebbe fatto fotografare assieme a Pierfrancesco Favino e a Claudio Amendola nel corso dell’anteprima del film Suburra, che racconta di una Roma massacrata ormai dalla criminalità generale. Come scrive Stefano Esposito sul suo sito (e di rimando anche sul suo profilo Facebook): “Mi preme informare gli attori Amendola e Favino, persone serie e perbene, che tra le tante foto scattate ad Ostia, durante la presentazione del film Suburra, ne hanno una che li ritrae insieme a Francesco Spada, appartenente ad uno dei clan più potenti del litorale. La foto, peraltro, è stata scattata dalla sorella di ‘Romoletto’, Carmine Spada, capoclan dell’omonima famiglia, attualmente in carcere per estorsione con l’aggravante del metodo mafioso“.

Il senatore e assessore della Capitale Esposito prosegue la sua denuncia sul gesto beffa scrivendo ancora: “Da quando ho messo piede a Ostia ho capito che nulla è come appare e solo lì può succedere che un appartenente ad un noto clan malavitoso vada a vedere un film su se stesso, Suburra, facendosi fotografare, felice e sorridente, insieme agli attori protagonisti. Mi dispiace per gli Amendola e Favino che, ovviamente, non potevano sapere chi fosse quel personaggio accanto a loro. Spada, invece, avrà capito che il film parla di loro e dei cugini Casamonica?“.

Esponente clan Spada sorride felice accanto all’attore che lo rappresenta nel film #Suburra.

Posted by Stefano Esposito on Sabato 17 ottobre 2015