La polizia ha arrestato un uomo di 33 anni, sospettato di essere l’assassino delle suore uccise in Africa, precisamente in Burundi. E’ un giovane di 33 anni, si chiama Christian Claude Butoyi. Il portavoce della polizia, colonnello Helmenegilde Harimenshi, ha dichiarato alla stampa che l’arrestato ha confessato il delitto. Il colonnello ha riferito che Butoyi ha ammesso di avere ucciso le tre suore perché il convento in cui vivevano sarebbe stato costruito sulla sua proprietà. Le religiose uccise erano italiane e facevano parte dell’ordine delle missionarie saveriane. Erano Lucia Pulici, Olga Raschietti e Bernardetta Boggian. Verranno sepolte in Congo, in un cimitero che ospita altri missionari morti in questa regione africana.

Gli omicidi sono avvenuti in due fasi distinte. Il terzo, quello di Bernardetta Boggian, è stato commesso la notte successiva a quella dei primi due. La polizia aveva perquisito il convento dopo l’assassinio di Lucia Pulici e Olga Raschietti, senza trovare tracce del killer. Secondo le ricostruzioni degli investigatori, Butoyi aveva preso le chiavi del convento la prima notte, tornando la successiva per uccidere la terza vittima. Al momento dell’arresto egli è stato trovato in possesso delle chiavi e del cellulare di una delle suore uccise.

Foto: Missione Padre Amato Congo – Facebook