Era il giugno del 1938 quando Superman, creato 5 anni prima dalla mente di Jerry Siegel e Joe Shuster, fa la sua apparizione nell’albo Action Comics, un numero storico, battuto all’asta per due milioni di dollari. Da quel momento il successo dell’Uomo d’acciaio è inarrestabile: dopo l’esordio nel primo fumetto, Superman vede la luce nel 16 gennaio del 1939 sotto forma di daily strip, per poi essere pubblicato nelle tavole della domenica, dal 5 novembre del 1939.

Alterego del remissivo e mansueto giornalista Clark Kent, da sempre uno degli eroi più rappresentativi dell’immaginario collettivo mondiale, Superman ha vissuto per lungo tempo solo nei fumetti, ma già nel dopoguerra iniziano a fiorire le prime rappresentazioni cinematografiche: è il 1948 quando Kirk Alyn diviene il primo attore americano ad impersonare il supereroe in una versione cinematografica del fumetto. Segue la serie televisiva Adventures of Superman, trasmessa dal 1952 al 1958 e interpretata da George Reeves. Al personaggio Dc Comics sono poi stati dedicati ben quattro film, tra gli anni Settanta ed Ottanta, tutti interpretati dal compianto attore Christopher Reeve. Il primo è datato 1978, con Gene Hackman nel ruolo di Lex Luthor e Marlon Brando in un cameo dove interpreta il padre del supereroe. Nel secondo e nel terzo capitolo il superacclamato Reeve veste ancora i panni del protagonista, mentre il quarto capitolo, stroncato dalla critica, porta il progetto ad una brusca interruzione, ma come Sean Connery incarna l’icona del personaggio di James Bond, così Reeve rimane senza dubbio il Superman più rappresentativo, sia per il successo dei suoi film, sia per la tenacia con cui ha testimoniato la sua forza vitale anche dopo aver subito il terribile incidente a cavallo che lo paralizzò dal collo in giù. Dopo di lui è stato Tom Welling con la serie dei primi anni del Duemila, Smallville, a ridare visibilità all’unico superstite del pianeta Krypton. Il ritorno di Superman sul grande schermo è invece datato 2006, con Superman Returns, diretto da Bryan Singer ed interpretato da Brandon Routh. Mentre per il prossimo 20 giugno 2013, in occasione del 75°compleanno del supereroe più amato d’America, è atteso il reboot Man of Steel, che riprende il filone narrativo iniziato da Superman I e II. Diretto da Zack Snyder (regista di 300 e Watchmen), e interpretato dal giovane e promettente Henry Cavill (che diventa così il quarto attore, ed il primo non statunitense, ad interpretare il ruolo di Superman sul grande schermo), il film vede la partecipazione di pezzi da novanta del cinema americano come Kevin Costner (che sarà Jonathan Kent, padre adottivo del protagonista) e Russell Crowe (nei panni Jor-El, il padre biologico). Con un budget di 225 milioni di dollari, le riprese, iniziate il 21 settembre 2011, sotto il nome in codice di “Autumn Frost”, si sono svolte tra California, Illinois e Columbia Britannica, per concludersi il 20 gennaio 2012.

Per celebrare l’Uomo d’acciaio, che, ricordiamo, quest’anno spegne ben 75 candeline, Studio Universal (Mediaset Premium sul DTT) festeggia inoltre con una rassegna dei primi quattro capitoli della saga cinematografica più famosa di Superman: l’appuntamento è venerdì 7, 14, 21 e 28 giugno, alle 21.15. Da sabato 1° giugno sono invece trasmessi i 17 cortometraggi creati da Max Fleischer e dal suo studio negli anni ’40, considerati da molti un piccolo gioiello di animazione; mentre in progetto è l’uscita di una nuova serie di fumetti, “Superman Unchainedscritta da Scott Snyder e disegnata da Jim Lee. Nemmeno il mondo dell’animazione è rimasto indenne ai festeggiamenti: lo scorso 7 maggio è stato, infatti, distribuito negli Usa il DVD di “Superman Unbound”, e come se tutto ciò non fosse abbastanza, circolano voci su un probabile cortometraggio animato che renderà omaggio a tutti gli attori che, nel corso degli anni, hanno indossato i panni del supereroe.

Man of Steel trailer