Non ci sono più tracce di Igor Il Russo, il killer che da quattro mesi – nonostante sia il più ricercato d’Italia e abbia mobilitato centinaia di agenti delle forze dell’ordine – è scomparso nel nulla. Ora arriva la taglia da 50mila euro a chi fornirà informazioni utili per farlo arrestare. Ad avanzare la proposta è il comitato degli amici di Davide Fabbri, l’uomo che è stato assassinato nel suo bar a Budrio (Bologna) il 1° aprile senza alcun motivo. La ricompensa scenderà a 25mila euro qualora Igor il Russo venisse fatto ritrovare morto.

Igor il Russo è scomparso da quattro mesi

Il pagamento della taglia promessa al pubblico – ha spiegato il legale della vedova Maria Sirica, l’avvocato Giorgio Bacchelli, verrà eseguito solo “ad avvenuto ed effettivo ritrovamento” del latitante scomparso da quattro mesi. Qualora l’uomo venisse trovato cadavere, verranno pagati 25mila euro “sempre a favore di colui che ha fornito per primo notizie”. L’obiettivo è assicurare alla giustizia, il prima possibile, il killer di Budrio.

È caccia al killer Igor il Russo

Una taglia che scadrà tra tre mesi o prima, qualora il latitante Igor il Russo venisse rintracciato dalle forze dell’ordine. Eventuali segnalazioni vanno inoltrate al presidente del comitato degli amici di Davide Fabbri, Augusto Morena.