Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, ha le idee piuttosto chiare su quanto è avvenuto nei giorni scorsi in Lombardia, dove il vice presidente della Giunta regionale, Mario Mantovani,  è stato arrestato poiché sarebbe coinvolto in un presunto giro di tangenti (clicca qui per leggere tutti i dettagli sull’arresto di Mantovani). Insieme a lui sarebbero coinvolti anche Massimo Garavaglia (assessore al Bilancio, leghista), Giacomo Di Capua e Angelo Bianchi.

Sui quattro penderebbe l’accusa di aver truccato aste importanti su case di riposo, edilizia scolastica e sul servizio di trasporto dei malati in dialisi anche attraverso l’impiego di tangenti. Proprio per questo Mantovani sarebbe finito in manette e su di lui penderebbero ora accuse varie: corruzione, concussione, abuso d’ufficio e turbativa d’asta, per il periodo riguardante gli appalti del settore sanitario lombardo tra giugno del 2012 e giugno del 2014.

Matteo Salvini è intervenuto per difendere il componente del suo partito, l’assessore al Bilancio Massimo Garavaglia. Il leader del Carroccio ha scritto su Facebook: “Pazzesco. L’assessore al Bilancio di Regione Lombardia, leghista onesto e concreto, è indagato (e sputtanato da stamattina) perché la sua colpa sarebbe di aver aiutato una Associazione di Volontariato del suo territorio, che trasporta malati e dializzati. Avrebbe quindi “truccato” un appalto, poi vinto da altri!!! Se aiutare (senza peraltro riuscirci) una Associazione di Volontariato è un reato, mi auto-denuncio anche io: arrestatemi!“.

Oltre a quanto scritto su Facebook, Matteo Salvini si è detto assolutamente certo che la Giunta della Regione Lombardia non è assolutamente a rischio (“Figuriamoci se la Giunta è a rischio perché qualche giudice si è alzato male! Ricordo che la Regione Lombardia l’anno scorso ha curato un milione e mezzo di persone e centinaia di migliaia di italiani arrivati dalle altre regioni. Ieri c’è stata una giornata di sputtanamento mediatico su la migliore sanità europea e anche sulla Lega“).