Doveva essere una giornata di sport, di sana competizione. E, invece, si è trasformata in tragedia con la morte di un pilota e del commissario di gara. Un incidente che si è verificato durante la Targa Florio, la gara automobilistica più antica del mondo che si stava tenendo nel Palermitano. Era andato tutto bene fino a quando una delle auto è finita fuori strada durante la prova speciale a Piano Battaglia travolgendo anche uno dei commissari di gara, Giuseppe Laganà. Deceduto il pilota Mauro Amendolia, messinese di 52 anni; la navigatrice Gemma Amendolia, figlia 26enne del pilota, invece, è rimasta ferita.

Targa Florio, ferita anche la navigatrice

L’incidente si è verificato in località Piano Torre, al km 10,500 della strada che porta ad Isnello. Immediato l’intervento dei soccorritori che hanno provato a salvare il commissario e il pilota ma per loro non c’era più niente da fare. Stando alle prime informazioni, tra l’altro, sulla strada sarebbe stato rinvenuto un leggero strato di nevischio.

Targa Florio è la competizione automobilistica più antica del mondo

Una vera e propria tragedia che ha coinvolto Mauro e la figlia Gemma (fortunatamente solo ferita), rispettivamente pilota e navigatrice, iscritti alla Targa Florio col numero 29. Correvano con una Bmw mini cooper Jcw per la scuderia “Messina Racing Team”.