Sono oltre 300 gli sfollati a seguito del terremoto che ha colpito il Catanese e che ha causato non solo danni ma anche feriti lievi. Per fortuna nessun decesso. Intanto qualche ora fa sono state fatte evacuare una decina di famiglie, allontanate dalle loro abitazioni ad Aci Platani, frazione di Acireale, per la presenza di una faglia sulla strada dove si trovano le loro case.

Terremoto Catania, sfollati negli alberghi e in auto

“La situazione feriti è tranquilla, non abbiamo feriti gravi. Dieci sono stati portati in ospedale, 18 si sono recati con i propri mezzi nelle strutture ospedaliere, poi c’è un ultra 80enne che ha avuto la sindrome di schiacciamento”, queste le parole del capo della protezione civile Angelo Borrelli, intervenendo alla trasmissione “Radio anch’io” su RadioUno. “Sono 28 i feriti e 370 circa gli sfollati. Abbiamo avuto 1.600 richieste di sopralluoghi da parte della popolazione. Questa notte abbiamo ospitato circa 370 persone, 323 negli alberghi 45 nelle palestre e 37 in una struttura per anziani” ha aggiunto.

In realtà qualcuno ha preferito dormire in auto sia per la paura di altri terremoti sia per non allontanarsi troppo dalle proprie case. La zona più colpita resta quella di Fleri, a Zafferana Etnea, ai piedi dell’Etna (che continua ad eruttare).