Miur e AIE (Associazione Italiana Editori)  hanno comunicato che per tre anni verranno forniti – gratuitamente – i libri per gli studenti del Centro Italia, duramente colpito dal sisma che ha raso al suolo interi paesi, causando oltre 30.000 sfollati, crolli di edifici e chiese, vittime e feriti. La firma del Protocollo d’Intesa triennale prevede, nello specifico, la fornitura gratuita dei libri scolastici a tutti gli alunni delle scuole di Amatrice e anche dei comuni di Arquata, Accumoli ed Acquasanta Terme. Un accordo che rientra nel progetto del Miur #RipartiamoDallaScuola, come riporta il sito Skuola.net.

Terremoto, garantire il diritto allo studio

Stando alle prime indiscrezioni, dovrebbe nascere un comitato, coordinato da un responsabile del Miur, che ogni anno valuterà le necessità e controllerà che a tutti gli studenti – residenti nelle zone colpite dal terremoto – sia stata assicurata la fornitura dei libri per garantire il diritto all’istruzione. E’ possibile, tra l’altro, che sia ampliata l’area di intervento a favore di altri comuni del Centro Italia, colpiti dalle scosse di novembre.

Terremoto, le parole del Ministro Giannini

“Abbiamo risposto all’appello del Ministro Stefania Giannini offrendo la nostra disponibilità [...] Ci impegniamo a donare agli studenti delle scuole coinvolte i libri di testo che utilizzeranno durante l’anno scolastico per dare loro un primo aiuto pratico e garantire il diritto allo studio di questi ragazzi” ha fatto sapere Giorgio Palumbo, presidente del gruppo educativo di AIE. “Il terremoto non può toglierci nulla, nemmeno i libri [...] Un invito al ritorno alla normalità che inizia dalla scuola e parte dai libri, un bene di prima necessità per i nostri ragazzi” ha concluso il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini.