La terra continua a tremare al Centro Italia dove una scossa di magnitudo 6.0 ha devastato Accumoli, Amatrice ed Arquata. Poco fa, intorno alle 6.28, la popolazione ha avvertito una nuova fortissima scossa ad Amatrice. Si sarebbero già registrati nuovi crolli che non avrebbero coinvolto né i vigili del fuoco né i soccorritori che in queste ore continuano a scavare tra le macerie assicurando anche assistenza agli sfollati i quali hanno trascorso la loro seconda notte in tenda o in auto, con la paura che gli sciacalli. 

Terremoto, arrestato sciacallo

Proprio ieri, un pluripregiudicato di Napoli, di 45 anni, è stato arrestato poiché stava tentando di forzare, con un cacciavite, la serratura di una casa colpita dal devastante terremoto. I carabinieri lo hanno bloccato, perquisito e poi portato nella casa circondariale di Rieti. L’uomo – che ha provato a darsi alla fuga – aveva precedenti penali per ricettazione, porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nelle sue tasche è stato trovato anche un biglietto ferroviario Napoli-Roma.

Terremoto, scossa di magnitudo 4.8 alle 6.28

Quella delle 6.28, di magnitudo 4.8, è senza dubbio la scossa più forte registrata nella notte: nelle ultime ore ne sono state avvertite oltre 40, riferisce l’Ingv.Da martedì in totale registrate 700 scosse.

Intanto il bilancio provvisorio è di 267 morti (207 ad Amatrice, 49 ad Arquata del Tronto e 11 ad Accumoli, ndr) e 387 feriti. 238 le persone estratte vive.