La terra continua a tremare e non dà pace agli sfollati dopo il terrible terremoto del 24 agosto che ha devasto il Centro Italia, colpendo soprattutto Amatrice, Accumoli ed Arquata. Intorno alle 5.53 una nuova scossa di terremoto di magnitudo 3.6 sulla scala Richter è stata registrata vicino ad Amatrice, nel Reatino; l’epicentro è stato individuato a 2 km da Amatrice, 9 da Campotosto (L’Aquila) e 10 da Accumoli (Rieti). Alle 3.55 altra scossa, stavolta di magnitudo 3.1, con epicentro a 6 km da Castelsantangelo sul Nera (Macerata) e 9 da Norcia (Perugia).

Terremoto, la terra continua a tremare

Dopo la mezzanotte tra Marche, Lazio e Umbria nuova scossa di terremoto di magnitudo 3.5 con ipocentro a 10 km di profondità ed epicentro a 6 chilometri da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) e Accumoli (Rieti) e 13 da Norcia (Perugia). In questo caso non si sono registrati nuovi crolli. Stessa situazione anche alle 22.08 quando, in provincia di Perugia, con epicentro vicino a Norcia (esempio virtuoso di comune con edifici costruiti con criteri antisismici, ndr), è stata avvertita una scossa di magnitudo superiore a 3.0.

Terremoto anche ad Ischia

Intorno alle 21, invece, due scosse di terremoto – la prima di magnitudo 1.4 e la seconda di 2.3 – si sono verificate tra Lacco Ameno e Casamicciola, a Ischia, come confermato dall’Osservatorio Vesuviano di Napoli. I residenti, per paura e a seguito dei terribili fatti degli ultimi giorni ad Amatrice, sono scesi in strada. La situazione, comunque, è sotto controllo.

Intanto l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia fa sapere che dal 24 agosto ad oggi sono stati registrati 3.200 eventi sismici al Centro Italia: 140 le scosse di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0, 12 quelle di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0 e una di magnitudo maggiore di 5.0.