Gli studenti di Amatrice potranno tornare tra i banchi di scuola. Lo aveva promesso il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, in visita sui luoghi del sisma: la scuola sarebbe cominciata regolarmente. E così è stato. Oggi, infatti, verrà riaperta la scuola Romolo Capranica di Amatrice in una struttura allestita in tempi record. I lavori sono cominciati il 30 agosto e in 14 giorni hanno lavorato – senza sosta – oltre 140 uomini della Protezione Civile della provincia autonoma di Trento. Una scuola che accoglierà circa 160 studenti che proveranno a tornare alla normalità, dopo il terribile terremoto di magnitudo 6.0 che ha devastato il Centro Italia e ucciso quasi 300 persone.

Terremoto, oggi si torna alla normalità

Tetto in legno, cuscini a terra per i più piccoli con una dirigente scolastica, Maria Rita Pitoni, chiamata a dirigere la Romolo Capranica nonostante le innumerevoli difficoltà delle ultime settimane, di un terremoto che ha messo in ginocchio Amatrice (la più colpita dal sisma), oltre ad Accumoli e Arquata. Ma la scuola di Amatrice è stata al centro delle polemiche a causa della recente ristrutturazione con criteri anti-sismici: come mai, allora, è crollata? Di chi sono le responsabilità? La Procura sta indagando per far luce sull’accaduto.

Intanto i genitori degli studenti hanno creato un’associazione per fornire ai ragazzi assistenza psicologica ed attività ludiche al di fuori dell’orario scolastico.